9387289139_e19dfe28b9_c

Lunedì 29 luglio ale 19:00, per augurarvi buon’estate, Punto Croce vi propone una serata poetica: reading e performaces interpretati da giovani poeti emergenti. Accompagnerà visivamente l’evento un’esposizione degli scatti su pellicola del giovane fotografo Federico Rosa, raccolti nella mostra “Analog Life” curata, in questa occasione, da Claudia Zini.

Julian Zhara nato a Durazzo (Albania), il 21 maggio 1986. Trasferitosi in Italia all’età di 13 anni, ha vissuto a Camposampiero (Padova) per 8 anni. Ha all’attivo due pubblicazioni: Liquori (Ibiskos-Ulivieri, 2008) e In apnea (Granviale, 2009).Ha partecipato a vari eventi di poesia a Venezia, Trento e Padova. Si è laureato nel 2010 in EGArt presso Cà Foscari a Venezia con una tesi dal titolo “Inchiesta sullo stato della poesia in Italia”. Dal marzo 2012 ha iniziato una collaborazione col compositore Ilich Molin per il progetto Labyrinth. Attualmente vive a Venezia.

Francesco Terzago è nato a Verbania nel 1986, è laureato in Lettere a Padova, dove vive. Collabora con: AbsolutePoetry, Poesia2.0, UltraNovecento e Scrittori Precari. Ha pubblicato poesie su: Italian Poetry Review, Le Voci della Luna e ALI, è presente nell’antologia Generazione Entrante di Ladolfi editore. Alcuni suoi testi sono presenti sui siti web: Smemoranda, Poetarum Silva, La Ginestra, Nazione Indiana e Critica Impura. In Cina, con l’Università degli Studi di Padova, ha curato delle iniziative volte alla promozione della Lingua e della Cultura Italiana. Alessandro Burbank viene al mondo il 21 luglio 1988 a Monselice ma nasce poeticamente a Venezia, in campo Giacomo Dall’Orio, all’età di otto anni, quando tornando sconvolto per un brutto voto dato dalle maestre ad una sua poesia, incontra il poeta Mario Stefani a cui fa leggere quei versi. Assiste e partecipa negli anni successivi a tutti i festival della poesia erotica Baffo Zancopè, organizzati a carnevale in campo San Maurizio. Il gusto di leggere in pubblico per lui diventa una presa di posizione civile. Un gesto che deve riportare il poeta nella comunità. Poesia che nasce sulla carta ed è contenuta da questa ma viene rievocata dalla voce. Comincia a frequentare i Poetry Slam, a Bologna per Via De’ Poeti, a Torino con Poeti In Lizza e poi Milano, Treviso, Venezia, Trento, ottenendo diversi podi. Collabora con il gruppo ska Bacaro Tour introducendo i concerti con una poesia. Con l’associazione MAIA ONLUS, che si occupa di cooperazione in Palestina, ha progettato un sito internet dove raccogliere poesie ed esperienze, video e foto, di giovani poeti palestinesi. Studia a Trento Sociologia/Studi Internazionali.

Anabel Ciliberti nata a Santo Domingo il 21 giugno 1988 da madre Dominicana e padre Italiano. Cresce fra Lecco e Città del Capo (Sudafrica). Dopo la maturità. si trasferisce prima a Firenze per studiare Pittura all’accademia di Belle Arti, in seguito a Milano, e attualmente sta studiando all’accademia di Belle Arti di Venezia. Nel corso degli anni è cresciuto in lei l’interesse e la passione per l’arte, la poesia ed il teatro. La prima esposizione collettiva fu a Città del Capo all’età di 18 anni, a seguire altre mostre a Firenze e Milano. Nell’Accademia di Belle Arti di Brera, è nato il progetto di Teatro Nudo. Progetto teatrale che includeva studenti di diverse culture, e diversi indirizzi artistici, con l’intento di realizzare un opera totale. Il percorso in sé è sempre stato più importante del prodotto finale. Anabel dopo aver tristemente sciolto la compagnia di ‘Teatro Nudo’ ha cambiato casa un po’ di volte, e ora si trova a Venezia, dove ha già ripreso da qualche mese a fare perfomances, sempre sulla base dei suoi studi di Teatro Nudo, con metodi da lei ideati.