banner-magenta

Apertura porta ore 19:00
Chiusura porta ore 21:00

Finalmente dopo la pausa estiva la casa riapre!

Si festeggia tutti insieme sabato 13 ottobre con l’immersione in una giungla colorata piena di SnaXeS.

La porta apre alle 19:00 per la mostra fotografica tratta dalla collezione Discarica Italiana del performer e fashion designer Massimo Simonetto: con scarti e brandelli ricompone variopinti costumi rituali di tradizioni chimeriche.

Dalle 20:15 i dischi di Magenta coloreranno esotismi ritmici tra i vortici postmoderni proiettati da DadaVs.

A seguire, il djset di Grao porterà a ebollizione i tambureggiamenti.

In cucina i piatti esoterici e le magiche pozioni alcoliche di Dapes inebrieranno gli spiriti.

PS come se non bastasse qualche fortunato puntocrociano avrà la possibilità di indossare gli eclettici vestiti delle collezioni Psycho tropical Berlin e Voyage primitif di Jessica Pierobon.

 

MAGENTA
Alessio Magenta si avvicina alla musica suonando la batteria, e al rumore registrando su cassette qualsiasi cosa gli capiti a tiro.
Nello stesso periodo avvia la collaborazione con Luca Sammartin nel duo elettronico ContaineR, mescolando con propensione al delirio quanti più generi possibile.
Successivamente consegue il diploma di Tecnico del Suono presso l’APM di Saluzzo.
Dopo qualche uscita su netlabel e bandcamp, riceve in regalo un giradischi che porterà scompiglio fra i suoi piani: accantona la batteria e si dedica al vinile, aggravando così la sua ingordigia musicale.
A breve uscirà per Transient un EP a nome Magénta, incentrato sugli anelli di congiunzione tra UK Garage, Dubstep, Jungle e le loro derive stilistiche, affettate di ritmiche complesse e strettamente ballabili.

MASSIMO SIMONETTO
Nato nel 1993 a Bassano del Grappa, laureato in Arti Multimediali e di formazione ballerino e performer (Opera Estate Veneto Festival, Anagoor), negli ultimi anni decide di allontanarsi dall’esperienza del mondo delle arti sceniche, guidato dalla necessità di sperimentare un uso più aperto e informale del corpo. Proprio il corpo è punto di partenza e filtro attraverso cui vive l’esperienza artistica, che sia un’azione collettiva, un video, una serie di fotografie o di dipinti. Corpo e percezione, uomo e natura, materiale e immateriale sono gli assi su cui si sviluppa la sua ricerca. Ricerca che lo ha portato ultimamente verso il campo della moda e la collaborazione con stilisti come Muslin Brothers e Mani / Fatum.

DADAVS
Dada Versus è una creatura apolide che vive soprattutto online, ma che, nel corso degli anni, ha imparato ad adattarsi e a muoversi anche offline tra pixel rarefatti, codec corrotti e immagini glitchate. I suoi interventi sono momenti d’immersione totale che danno vita a esperienze psichedeliche uniche. Ha accompagnato visivamente musicisti nazionali e internazionali come: Scuola Furano, Alessio Mereu, Cut Killer, Dj Whoo Kid (con il collettivo “VaJiMa”), Sven Vath, Stefano Noferini, Francisco Allendes, Giulio Escalona, Dj Hvad, Madteo, Stabfinger, Dj Muto, Iration Steppas, Moa Anbessa, Sultan Bathery, Universal Sex Arena, C + C = Maxigross, Umeme Afrorave e la Sun Ra Arkestra.

JESSICA PIEROBON
Padovana, classe 94, Jessica si avvicina al cucito ai tempi del liceo artitico tramite la creazione di patchwork, utilizzando campioni provenienti da cartelle colore tessuto e applicandoli a sedie e poltrone di recupero. Questa serie di lavori la porta ad iscriversi ad un corso professionale di stilismo e modellistica presso L’accademia del Lusso di Treviso. Allo stesso tempo lavora per il brand Moncler, occupandosi di calzature ed accessori. Nel 2014 si iscrive alla facoltà di Design della moda presso lo IUAV di Venezia. Nel 2017 si sposta a Londra per intraprendere il tirocinio universitario presso Underground England come designer di abbigliamento. Attualmente sta concludendo gli studi e al contempo crea capi su commissione. Il suo è uno stile eclettico che si avvicina al costume. Le sue sono creazioni fatte a mano, non ordinarie, che riflettono la sua personalità camaleontica: abiti audaci per persone che amano essere osservate e notate.